Olive

olive.it



Le Olive

Le Olive sono un frutto a forma di drupa ovale, la principale caratteristica quella di essere l'unico frutto dal quale si estrae un Olio dalla semplice spremitura, detto appunto "Olio di Oliva".
Il peso di una singola Oliva varia dai 2-3 grammi per le coltivazioni da olio sino ai 5-6 grammi o più nelle coltivazioni da tavola. La buccia (esocarpo) varia nel suo colore dal verde al violaceo o nero. La polpa (mesocarpo) è piuttosto carnosa ed all'interno delle sue cellule è composta da Olio per circa il 30%. Il seme è contenuto nel nocciolo legnoso (endocarpo) e ruvido e di colore marrone nelle varietà Montalcino e Rossellino è usuale trovare noccioli sprovvisti di seme, questo comporta un minor valore del prodotto.



Le varietà (cultivar) di Olive

Le varietà censite in Italia di questo prezioso e antico frutto (origini presunte attorno al 12.000 a.C) sono davvero numerose, sia per quanto concerne le Olive utilizzate per la produzione di Olio sia per Olive da trattarsi in salamoia per uso alimentare, Olive da Tavola.
Anche se molto numerose le Coltivazioni in Italia hanno solitamente un areale abbastanza circoscritto, infatti un elemento caratterizzante è certamente la Regione di origine.
Alcun specifiche Coltivazioni spesso utilizzate come "impollinatori", hanno una diffusione nazionale

Olive a diffusione Nazionale o Interregionali
Frantoio; Leccino; Maurino; Moraiolo; Pendolino;

Olive dell'Abruzzo
Castiglionese; Dritta; Gentile del Chieti; Intosso; Monicella; Morella; Nebbio; Raja; Toccolana;

Olive della Basilicata
Augellina; Carolea; Cima di Melfi; Coratina; Majatica; Nostrale della Basilicata; Ogliarola del Bradano; Palmarola (detta anche Fasolina); Rapollese di Lavello;

Olive della Campania
Carpellese; Cornia; Minucciola; Ogliarola; Olivella; Pisciottana; Ravec; Rotondello; Salella;

Olive della Calabria
Borgese; Carolea; Cassanese; Ciciarello; Dolce di Rossano; Grossa Di Gerace; Sinopolese; Tombarello; Tonda di Strongoli; Zinzifarica;

Olive del Lazio
Canino; Caninese; Carboncella; Itrana; Olivago; Raja; Rosciola; Salviana;

Olive della Liguria
Colombaia; Lavagnina; Merlina; Mortina; Pignola; Rossese; Razzola; Rossese; Taggiasca;

Olive della Lombardia
Casaliva; Gargnano;

Olive delle Marche
Ascolana; Canino; Carboncella; Coroncina; Dritta; Leccino del corno; Mignola; Nebbia; Orbetana; Piantone; Raggia; Raggiola; Rosciola; Sargano;

Olive del Molise
All'acqua di Montenero; Aurina; Cerasa di Montenero; Gentile di Larino; Oliva nera di Colletorto; Olivastro; Paesana Bianca; Rosciola; Saligna di Larino; Sperone di gallo;

Olive della Puglia
Coratina; Ogliarola Barese (detta anche Paesana o Cima di Bitonto); Pizzuta; Nasuta; Provenzale (detta anche Peranzana); Marinese; Cima di Mola (detta anche di Monopoli); Leccese; Cellina Barese;

Olive della Toscana
Correggiolo (detta anche Frantoio o Razzo); Grappolo; Grossolana; Leccino; Marzio; Moraiolo; Ogliarola Seggianese; Olivastra Seggianese; Olivastra; Pendolino; Razzo; Rossellino;

Olive della Sardegna
Bosana; Cariasina; Corsicana; Nera di Gonnos; Nera di Oliena; Nocellara; Pibireddu; Semidana;

Olive della Sicilia
Biancolilla; Brandofino; Buscionetto; Cerasuola; Giarrafa; Mandanici; Moresca; Minuta; Ogliarola Messinese; Ottobratica; Santagatese; Tonda Iblea; Verdello;

Olive del Veneto
Casaliva; Favarol; Fort; Grignano; Leccio del Corno; Lezzo; Padanina; Matosso; Razza; Rondella; Trep;

Olive dell'Umbria
Dolce Agoglia; Frantoio; Leccino; Moraiolo; Rajo;